Approfondimenti

Il ducal naviglio

Il gruppo locale del F.A.I. ha organizzato un convegno sabato scorso sui canali fossanesi, e domenica 14 ottobre proporrà delle visite in loco. Siccome anche l’archivio storico è stato coinvolto, si ripropone qui di seguito l’intervento sul canale di Bra, in forma però più sintetica e divulgativa per non abusare della pazienza e degli occhi …

Il ducal naviglioLeggi altro »

Nonostante tutto è ancora lì: la chiesa del Salice

L’immagine in apertura, come le fotografie della galleria a piè di pagina, mostrano la chiesa di Santa Maria del Salice quando ancora aveva la volta, sebbene erosa dall’incuria e dalle infiltrazioni. Prima, insomma, di fine aprile del 1984, allorché il sindaco Manfredi inviò un telegramma alla Soprintendenza per comunicare il crollo del tetto della navata …

Nonostante tutto è ancora lì: la chiesa del SaliceLeggi altro »

Apparizioni celesti e culto mariano: il mese di maggio a Fossano

Maggio, il mese che dalla trattatistica borromaica in avanti è dedicato alla devozione della Vergine, ha a Fossano una sua peculiare meta di culto: il santuario della Madre della Divina Provvidenza a Cussanio. Ovviamente questo non è lo spazio per un’omiletica cristiana, ma nel contempo la rilevanza sociale che nei secoli ha caratterizzato la pratica …

Apparizioni celesti e culto mariano: il mese di maggio a FossanoLeggi altro »

Il mestiere più antico del mondo: la prostituzione in città (parte I)

Nel novembre del 1948 il sindaco Miglio riceve una lettera da palazzo Madama, Roma. A scriverla è un fossanese, il senatore Italo Mario Sacco. È membro della Commissione per l’esame di una proposta di legge che farà storia, avanzata dalla collega Merlin: riguarda l’abolizione delle “case di meretricio”. Il deputato interpella il primo cittadino per un …

Il mestiere più antico del mondo: la prostituzione in città (parte I)Leggi altro »

Bettole e osterie, trattorie e locande: le “piòle” in città

Fossano è una cittadina di quasi quattordicimila cinquecento abitanti, di cui 4380 residenti in centro e 10.099 sul territorio: è quanto emerge da una statistica redatta il 4 nevoso nel XII anno della Repubblica francese, ovvero il 24 dicembre del 1804, di cui l’originale QUI. Tre anni prima, sempre su richiesta dell’efficiente governo d’Oltralpe – …

Bettole e osterie, trattorie e locande: le “piòle” in cittàLeggi altro »

Vacche, manze, tori e vitelli: bovini in fiera e al mercato

Quest’anno in città si ripropone la Fiera del Vitello grasso. Si tratta di una rassegna che vanta una tradizione antica: già nel 1869 il sindaco istituì la prima esposizione del bestiame, perché «il perfezionamento della razza bovina sarebbe cosa della massima importanza ed interesse per il nostro territorio, di cui è una delle principali fonti …

Vacche, manze, tori e vitelli: bovini in fiera e al mercatoLeggi altro »

La stazione ferroviaria

Di qui a poco l’Amministrazione inaugurerà alcuni locali rimessi in uso presso la stazione ferroviaria, dopo quelli già restaurati e oggi utilizzati per la farmacia comunale. La stazione è una struttura che vanta una presenza in città ultrasecolare: già a metà dell’Ottocento venne istituita a Fossano una Commissione apposta per favorire il collegamento ferroviario, dopo …

La stazione ferroviariaLeggi altro »

Si chiamavano celle, non per nulla: la Via Lancimano e l’edificio dell’Asl

Il titolo si riferisce alle stanze dove le monache di clausura si ritiravano per riposare e per pregare in solitudine: lo stesso nome definisce quelle nelle carceri, e talvolta in epoche passate il destino accomunava le recluse con i prigionieri: «quelle sante case fabricate per libera dedicatione d’animi casti sono usate come per sentine di …

Si chiamavano celle, non per nulla: la Via Lancimano e l’edificio dell’AslLeggi altro »

Il “servizio” pubblico per le umane impellenze

Sul settimanale locale di questa settimana un articolo annunciava la costruzione di servizi igienici presso la tettoia in piazza Dompé. Ebbene, la questione dei “vespasiani” ha radici piuttosto lontane e, soprattutto, stupisce quanti ce ne fossero in giro per la città. D’altronde l’impellenza di far minzione fa parte della natura umana e tocca un po’ …

Il “servizio” pubblico per le umane impellenzeLeggi altro »

Lo stemma della città

Lo stemma – per una città, per un’autorità ecclesiastica, per una famiglia nobile – era considerato un simbolo identificativo al pari, oggi, di un marchio, di un logo, di una griffe. Usato sulle bandiere nei campi di battaglia, scolpito sui portali d’ingresso dei palazzi, decorato sulle ante delle carrozze, impresso sopra i biglietti da visita …

Lo stemma della cittàLeggi altro »